Articoli | 06 Ottobre 2016 | Autore: Alessandro Margiacchi

TEXA: verso l’infinito e oltre…

Nell’ampio spazio espositivo di oltre 650 metri quadrati TEXA si è presentata ad Automechanika con una serie di importanti novità sia per il mondo della diagnosi, sia per il truck, sia per la carrozzeria. Vediamo allora gli ultimi aggiornamenti.


 

Durante Automechanika Frankfurt TEXA ha mostrato tutte le novità in campo di telemobility e gli altri prodotti per agevolare il lavoro delle officine e dei riparatori sia sul campo della diagnosi sia dell’aria condizionata, ma anche nel settore della connessione in rete del veicolo e del car sharing. Oggi bisogna pensare a un nuovo modo di lavorare, e se tutti parlano di auto connessa, ecco che Texa, dopo Texa CARe, rilancia sul mercato una serie di prodotti per preparare il meccanico in maniera professionale alle sfide del futuro. Non si tratta di semplici strumenti di diagnosi, ma anche di un nuovo modo di interpretare un mercato in continua trasformazione. Il presente si chiama auto connessa e diagnosi remota: per l’autoriparatore, quindi, sono cambiati sia gli strumenti da utilizzare per le riparazioni (sempre più elettroniche), sia l’approccio al cliente. Uno degli obiettivi dei meccanici quindi è quello di diventare sempre di più un consulente a servizio dell’automobilista in grado di intervenire prima ancora che avvenga il guasto. La linea di strumenti che TEXA mette a disposizione dei meccanici è ideale per effettuare tutte le operazioni indispensabili in officina, partendo dalla diagnosi, passando per i servizi Fast-Fit e il monitoraggio degli pneumatici, fino alla manutenzione degli impianti dell’aria condizionata.

Non solo auto…
A Francoforte, nell’ampio spazio espositivo di oltre 650 metri quadrati sviluppato su due piani, TEXA ha presentato tutte le ultime novità anche in campo carrozzeria e truck. In particolare, per questi due settori, l’azienda ha lanciato due prodotti: kit calibrazione delle telecamere e dei sistemi radar composto da diversi pannelli suddivisi per marche ed e-TRUCK, l’innovativo strumento miniaturizzato che porterà per la prima volta l’officina del veicolo industriale in una nuova dimensione della diagnosi. Insomma, un settembre impegnativo quello dell’azienda che alla Kermesse non ha certo fatto mancare le novità. Automechanika rappresenta uno degli appuntamenti internazionali attraverso i quali mettere in mostra tutte le innovazioni e le soluzioni diagnostiche d’avanguardia, progettate e realizzate per soddisfare i bisogni dei clienti, ma soprattutto un momento di dialogo per confrontarsi e ricevere feedback dei prodotti da parte degli autoriparatori.

Un gigante dell’autodiagnosi
Ma qual è l’obiettivo finale? Grazie agli strumenti caratterizzati da un notevole livello di innovazione e di ingegnosità, l’obiettivo è chiaro: anticipare il mercato, capire le tendenze quando i segnali di cambiamento non sono ancora percettibili e semplificare la vita dei meccanici supportandoli in qualsiasi loro esigenza e decisione. TEXA, infatti, dal 1992 è diventata un gigante dell’autodiagnosi e della riparazione con una rete capillare di distribuzione in tutto il mondo e ben 600 dipendenti. Diciamo uno dei “portabandiera” della nostra nazione che ha raggiunto traguardi e successi importanti. Un’azienda italiana che in questi anni ha saputo distinguersi in tutto il mondo per due valori fondamentali: esperienza e serietà. Due caratteristiche essenziali che garantiscono qualità e sicurezza su tutta la linea prodotti firmata TEXA. Parliamo allora della gamma, ma andiamo con ordine e vediamo nel dettaglio alcune delle recenti introduzioni di gamma: AXONE Nemo, Software IDC5, KONFORT 744, TPS 2, TEXA Telemobility e Laser Examiner.

TEXA Telemobility
I dispositivi TEXA Telemobility, affinati, miniaturizzati e economizzati vengono utilizzati da grandi aziende private e pubbliche, mettendo in rete automobili e intere flotte di mezzi di ogni dimensione e tipologia.
TEXA Telemobility propone soluzioni per il fleet management, dispositivi per il corporate car sharing e prodotti altamente personalizzati per le compagnie assicurative.
Le soluzioni TEXA sono caratterizzate da un’elevata modularità per rispondere alle specifiche esigenze del cliente e per garantire una serie di vantaggi per quanto riguarda la diagnosi della flotta, la sicurezza dei driver e dei mezzi, l’aumento dell’efficienza di gestione, il contenimento dei costi, l’eco-sostenibilità.


TPS 2: novità anche per i gommisti
In arrivo sul mercato da inizio anno prossimo, TPS 2 è uno strumento progettato appositamente per un utilizzo professionale e completo nell’ambito dei sistemi TPMS. Le sue caratteristiche? Maggiore robustezza, velocità, grande usabilità, ampio display a colori ad alta risoluzione, modulo Wi-Fi, Bluetooth Dual Mode e una potente fotocamera da cinque megapixel posta sul retro dello strumento.



AXONE Nemo: lo strumento pronto per il futuro
Dopo 25 anni di esperienza come partner di fiducia di decine di migliaia di officine meccaniche nel mondo, TEXA ha lanciato AXONE Nemo, uno strumento con caratteristiche tecniche paragonabili ai migliori tablet commerciali, ma espressamente studiato per un utilizzo continuativo nel difficile ambiente dell’officina meccanica, grazie anche alle potenti batterie con le quali è equipaggiato.
Esso permette di effettuare tutte le operazioni di diagnosi a una grandissima velocità, ma è anche incredibilmente robusto e in grado di resistere a forti shock, compresa la caduta in acqua. La sua scocca è in magnesio, una scelta tecnica che conferisce allo strumento maggiore robustezza, rigidità e leggerezza, oltre a uno smaltimento di calore eccellente che ha consentito l’utilizzo di hardware particolarmente potente.
Il dispositivo dispone di una tecnologia all’avanguardia: schermo capacitivo 12 pollici ultra wide, risoluzione 2160x1440 vetro Gorilla Glass, processore Intel® Quad Core N3160, memoria RAM 8 Giga e storage 250 GB, Wi-Fi a doppio canale, Bluetooth® 4.0 Low Energy. Inoltre, è stato equipaggiato con un pacchetto sensori che non ha uguali in questo ambito, costituito da un barometro, un accelerometro, un giroscopio, una bussola e un sensore di luce.
Altra caratteristica distintiva è la presenza di due fotocamere da 5 megapixel. Altra novità mondiale introdotta da AXONE è la possibilità di installare in modo rapido dei moduli magnetici capaci di estendere le sue potenzialità e le risorse di misura e controllo, così da mantenerlo sempre pronto per ogni possibile evoluzione futura: modulo termografico, modulo USB 3.0 e il modulo Ethernet Broad R e DoIP/LAN.


Stazione di ricarica Konfort 744
Konfort 744
è una stazione studiata in collaborazione con i costruttori auto tedeschi ed è attualmente una delle pochissime soluzioni disponibili sul mercato progettate e costruite per la manutenzione e la ricarica dei nuovi impianti di aria condizionata basati sull’utilizzo del refrigerante RT44 (CO2). Konfort 744 è una stazione completamente automatica che assicura una procedura di ricarica precisa e accurata, con una tolleranza massima di 10 grammi. Inoltre, dispone di un misuratore della concentrazione di CO2 nell’aria che, nel caso in cui questa raggiunga livelli pericolosi, interrompe la carica. Infine, è approvata da Mercedes-Benz.


Il nuovo software IDC5
IDC5
è l’ultima evoluzione del celebre software TEXA dedicato alla diagnosi multimarca, un ulteriore passo in avanti per aiutare il tecnico riparatore nel suo lavoro quotidiano. Velocità aumentata, grafica semplice e intuitiva e pagine di diagnosi ripensate per fornire al meccanico una visualizzazione esaustiva delle informazioni più rilevanti.
Anche il menù è stato rivisto e si sviluppa in verticale così da poter scorrere tutte le voci in modo semplice, senza mai cambiare pagina, anche attraverso una “touch gesture” che consente di zoomare sulle funzionalità di interesse semplicemente utilizzando le dita.
Molto interessante la nuova funzionalità “Schemi Elettrici Interattivi”, per la consultazione degli schemi elettrici sfruttando le animazioni dei dispositivi coinvolti e generando una mappa interattiva con i flussi dei segnali in entrata o in uscita dalle centraline.
Infine, un’ulteriore implementazione riguarda la visualizzazione e la gestione dei parametri del veicolo, disponibili anche sotto forma di grafico e filtrabili attraverso una ricerca testuale, oppure selezionando solo quelli di reale interesse.

Laser Examiner: minore usura dischi freno e pneumatici
Laser Examiner è un prototipo avanzato sviluppato da TEXA, in collaborazione con Brembo, che consente di misurare con precisione il consumo del disco freno e l’altezza del battistrada degli pneumatici dei veicoli. Una soluzione innovativa che assicura un contributo importante alla sicurezza dei veicoli e più in generale alla sicurezza stradale.
Laser Examiner elabora il dato in tempo reale, con una tolleranza di un decimo di mm e lo trasmette via Bluetooth a un PC o ad uno strumento di diagnosi TEXA che, tramite un apposito software, confronta il valore acquisito con quello previsto dal costruttore.
Per misurare l’altezza del battistrada degli pneumatici è sufficiente sostituire la testina dello stesso con quella apposita fornita in dotazione. Appoggiandolo sul pneumatico, Laser Examiner anche in questo caso proietta un fascio laser che va a misurare il livello di usura della gomma.



 

Photogallery

Tags: Texa

Leggi anche