Articoli | 01 Giugno 2018 | Autore: Cristina Palumbo

Tester iniettori Delphi: compatto, veloce e preciso

Delphi lancia in Italia il nuovo tester Sabre CRI Master sviluppato da Hartridge: una soluzione rapida e precisa per testare gli iniettori common rail di diversi brand. Vediamo come funziona.

Resta un lavoro da specialisti, questo è indubbio, ma il nuovo tester proposto da Delphi per la verifica degli iniettori semplifica la vita dei pompisti, che trovano in Sabre CRI Master sviluppato da Hartridge un “prezioso collaboratore” che rende facile e veloce anche un lavoro di per sé complesso.

Sabre CRI Master: veloce, preciso, economico

Prima di vedere come funziona, analizziamo brevemente i vantaggi offerti da questo tester. Innanzitutto stiamo parlando di una attrezzatura che assicura la massima accuratezza, grazie a un sistema brevettato da Hartridge per misurare la portata degli iniettori (metering). Inoltre, lo strumento è dotato di una scheda di controllo che di fatto è la stessa che l’azienda utilizza per i banchi prova più evoluti. Il software di gestione Magmahsharp è gratuito e facilmente aggiornabile. Il Sabre è dotato di un sistema di raffreddamento che mantiene la temperatura del fluido di controllo e del serbatoio entro i 42-44°C così da evitare problemi di surriscaldamento.

Offre una grande versatilità grazie alla possibilità di utilizzare un numero elevato di piani di prova (al momento sono circa 150 ma a partire da giugno saranno in crescita esponenziale e acquistabili attraverso crediti). In soli sei minuti è in grado di eseguire tutte le prove su un iniettore e dare così un risultato certo sul suo funzionamento. Si riescono così ad ottimizzare anche i tempi di tutto l’intervento, perchè mentre si ripara un iniettore il tester può procedere con la verifica di un altro. Con l’upgrade previsto in uscita entro l’estate, si potrà anche procedere alla codifica e aggiungere come optional un sistema di flussaggio.

In sintesi, Sabre CRI Master permette di testare e ricodificare in pochi minuti gli iniettori, con un investimento inferiore ai 20.000 euro, un prezzo decisamente contenuto.

Prova completa in 6 minuti

Lo strumento è molto compatto e studiato per la massima praticità di intervento. Appoggiato su un carrello (acquistabile separatamente) necessita il solo collegamento alla rete elettrica 220V per funzionare e non ha bisogno di aria compressa o acqua. Lo strumento è predisposto per il posizionamento a innesto degli iniettori più diffusi da 7 e 9 mm, ma sono disponibili anche adattatori per iniettori diversi. L’esecuzione del test può essere fatta sia in modalità automatica sia manuale, con il software che guida l’operatore e dà la possibilità di modificare alcuni parametri e salvare le prove effettuate.

Questo perché è possibile non solo verificare se un iniettore funziona, ma anche valutarne le prestazioni.
Il tester viene comandato attraverso un display touch screen con interfaccia Magmahsharp, che permette anche di seguire lo svolgimento di tutte le fasi della procedura, che consiste in sei diversi controlli. La prima è la prova elettrica della resistenza, seguono poi le prove di pressione con valori discendenti, dalla massima potenza (al momento 1.800 bar ma nella versione successiva, l’Expert, si potrà arrivare fino a 2.700 bar così da testare anche gli iniettori dei motori diesel dei mezzi pesanti) passando alla prova emissioni, pilota, a vuoto e alla verifica della perdita statica. In caso i parametri registrati non fossero corretti la macchina segnala il problema e si ferma.

Il sistema brevettato metering permette di avere la massima accuratezza nella misurazione della portata dell’iniettore. Utilizza una pompa interna common rail e un sistema a circuito chiuso che permette di creare pressioni anche molto elevate. La macchina è dotata di un serbatoio che contiene circa 10 litri di fluido di prova, che deve essere sostituito all’incirca ogni 500 ore.
Sabre CRI Master è dotato di un sensore di battito che permette di verificare concretamente i tempi di risposta dell’iniettore, così da consentire all’operatore di valutare se l’iniettore, pur funzionante, debba essere sostituito o meno.

Come anticipato, la macchina utilizza un sistema di raffreddamento che garantisce la stabilità della temperatura e permette la ripetibilità della prova anche per periodi prolungati. Ciascuna prova dura circa un minuto e alla fine di tutti i controlli è possibile anche stampare un report o inviare via email o wi-fi il risultato direttamente dalla macchina.

Toledo HEUi Master per mezzi pesanti

Riservato a un mercato di nicchia, quello dei mezzi pesanti (veicoli industriali, macchine agricole e da cantiere, generatori marini) il nuovo Toledo HEUi Master funziona secondo lo stesso principio di Sabre CRI Master, ma è stato sviluppato per testare gli iniettori HEUi a comando idraulico. In questo caso Hartridge mette a disposizione una serie di adattatori, tutti brevettati, a copertura della gran parte delle applicazioni.

Sabre CRI Master: caratteristiche tecniche

• Pressione rail 0 – 1.800 bar
• Velocità di iniezione 120 – 3.000 ipm
• Ampiezza impulso 0 - 4 000 μS
• Ritardo 0 - 600 secondi
• Capacità del serbatoio 10 litri
• Filtrazione del serbatoio 2 μm
• Filtrazione dell’unità di misurazione 60 μm
• Filtrazione del fl usso di ritorno 60 μm
• Portata ad alta pressione 600 - 250 cc/min
• Raffreddamento del fl uido scambiatori di calore da olio ad aria

Photogallery

Tags: delphi hartridge tester iniettori sabre CRI Master

Leggi anche